Cerca il tuo corso
news

Tecnico della produzione multimediale per la digitalizzazione del patrimonio culturale

Tecnico promozione patrimonio culturale Gratuito
SEDE DEL CORSO
Bologna
DURATA
800 ore
DATA DI PARTENZA
28/11/2022

L’Emilia-Romagna è la seconda regione italiana per la presenza di strutture museali e ha attivato una serie di politiche ed azioni volte alla digitalizzazione del patrimonio culturale del territorio ai fini di una maggiore diffusione della cultura anche attraverso forme e modalità diverse da quelle tradizionali. La digitalizzazione cambia l’ambiente in cui si opera (da qui e ora a dovunque e sempre), aumenta il numero di visitatori (nuovi target e pubblici lontani), modifica il sistema di relazioni (dialogo con le comunità, creazione di scambi con abitanti fisici e non, esperti, artisti e altre istituzioni culturali) e favorisce la valorizzazione dei beni così detti “minori” (sinergie tra cultura e turismo, migliore distribuzione dei flussi di visitatori, sviluppo nelle aree periferiche).

Una recente ricerca svolta da ART-ER sui fabbisogni di digitalizzazione dei musei regionali ha evidenziato che i musei intendono investire sulla digitalizzazione per:

  • incrementare le attività di promozione e comunicazione tramite web (promozione di eventi, informazioni su nuove attività o nuove esposizioni, ricerca di nuovi pubblici);
  • sviluppare applicazioni e strumenti per la fruizione del patrimonio (applicazioni per smartphone e dispositivi mobili per rendere i beni culturali accessibili sempre e dovunque e per promuovere l’arte e la cultura);
  • sviluppare applicazioni per la gestione smart dei musei (tour virtuali, sovrapposizione a elementi reali di livelli informativi aggiunti, ad esempio, tramite la realtà aumentata, …).

La valorizzazione su base digitale del patrimonio richiede la presenza sul territorio di professionalità capaci di aumentare le modalità di ingaggio e l’accessibilità del patrimonio, cambiare la narrazione e offrire servizi aggiuntivi utilizzando strumenti e tecnologie multimediali.

OBIETTIVI

Il tecnico che si intende formare ha elevate capacità di progettazione e realizzazione di contenuti multimediali innovativi, ma anche conoscenze culturali e consapevolezza di quanto sia importante lavorare per una valorizzazione integrata e per una fruizione dei beni ampia, interattiva e partecipata ai fini della valorizzazione del patrimonio secondo l’approccio dell’economia circolare (custodia del passato e sua trasmissione alle future generazioni). Un profilo complesso orientato all’innovazione digitale ed ecologica e alla creazione di sinergie tra bene culturale e territorio. Il tecnico possiede competenze diversificate: multimediali (componente tecnica), ideativo progettuali (componente creativa), gestionali (autonomia organizzativa e project management), trasversali (per il lavoro in team interdisciplinari e per il coinvolgimento del pubblico).

DESTINATARI

Il progetto è rivolto a 20 persone con residenza o domicilio in Emilia-Romagna, occupate o non occupate e in possesso del diploma di istruzione secondaria. Sono ammessi anche coloro che sono in possesso dell’ammissione al quinto anno dei percorsi liceali e coloro che, pur essendo sprovvisti di diploma superiore, hanno acquisito successivamente all’assolvimento dell’obbligo di istruzione competenze coerenti con gli obiettivi formativi dell’attività sia per quanto riguarda l’ambito tecnico professionale della produzione multimediale, sia per quanto riguarda le competenze chiave di cittadinanza.

I partecipanti dovranno possedere anche i seguenti requisiti sostanziali:

  • conoscenze e abilità informatiche livello ECDL CORE;
  • conoscenze di lingua inglese (livello B1);
  • competenze pregresse in almeno uno tra gli ambiti umanistico, culturale o artistico. In particolare occorre possedere conoscenze del patrimonio storico-artistico e/o delle tecniche di scrittura creativa e/o nozioni di grafica digitale, fotografia o produzione audiovisiva.

Tali competenze possono essere state maturate attraverso esperienze lavorative, esperienze non professionali in ambiti non formali e informali oppure attraverso la frequenza di percorsi di istruzione secondaria o terziaria.

Eventuali candidati non in possesso del diploma di scuola secondaria superiore, dovranno dimostrare il possesso dei seguenti requisiti aggiuntivi: conoscenze generali dell’area professionale di riferimento (matematica, tecnologia, scienze dell’informazione e comunicazione), competenze chiave di cittadinanza – di cui alla Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006, conoscenze relative agli assi culturali dei saperi di base – di cui al Decreto del Ministro della Pubblica Istruzione n. 139/2007.

CONTENUTI

  • Marketing territoriale e valorizzazione del patrimonio culturale
  • Business innovation, transizione digitale e ecologica
  • Patrimonio culturale e processi di digitalizzazione
  • Processi creativi per la valorizzazione del patrimonio culturale
  • Sviluppo di un progetto multimediale
  • Comunicare il patrimonio con gli strumenti del web
  • Comunicare il patrimonio attraverso le immagini
  • Comunicare il patrimonio attraverso l’arte e la grafica
  • Esperienze ludiche, immersive e interattive a supporto della valorizzazione del patrimonio culturale
  • Normativa di riferimento
  • Lavoro in team e project management
  • Costruzione di progetti di valorizzazione, dall’ideazione allo studio di fattibilità
  • Sviluppo professionale

SEDE E MODALITÀ DI SVOLGIMENTO

Il corso si svolgerà a Bologna, in via Bigari 3. La sede è facilmente raggiungibile anche da persone che non risiedono a Bologna, in quanto collocata a circa 10 minuti a piedi dalla stazione centrale dei treni. L’aula è dotata di dispositivi per la didattica digitale integrata e computer di ultima generazione.

Il corso ha una durata di 800 ore di formazione, di cui 500 di teoria e 300 di stage, nel periodo novembre 2021 – luglio 2022 (con pausa per le festività natalizie).

La formazione sarà realizzata prevalentemente in presenza. Si potrà ricorrere alla didattica integrata a distanza al fine di coinvolgere docenti provenienti da contesti fuori regione e per favorire la fruizione dei partecipanti in situazioni di emergenza sanitaria. Le lezioni si terranno dal lunedì al giovedì 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00. Gli orari potranno subire variazioni a seconda dell’organizzazione didattica.

ATTESTATO FINALE

Al superamento dell’esame finale, verrà rilasciato il “Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore in Tecniche della produzione multimediale”, corrispondente al 4º livello del quadro europeo delle qualifiche (QEQ), valido a livello nazionale e europeo.

PARTNER

Il corso è realizzato con il contributo di un ampio partenariato. Collaborano alle fasi realizzative rappresentanti dei sistemi dell’istruzione, della formazione, della ricerca, delle imprese e degli enti che operano, a vario titolo, per la “valorizzazione del patrimonio territoriale e dell’identità regionale”. Un partenariato articolato che con il suo operato integra e valorizza le diverse esperienze e competenze, crea connessioni tra formazione e lavoro, incentiva e potenzia il ruolo e la partecipazione delle imprese nei processi di sviluppo di nuove competenze per il territorio regionale.

Istruzione, formazione e ricerca: Accademia di Belle Arti di Bologna, I.I.S. Venturi (Modena), FITSTIC – Fondazione ITS Tecnologie Industrie Creative, C.R.I.C.C – Centro per l’Interazione con le Industrie Culturali e Creative, DHMoRE – Centro Interdipartimentale di Ricerca sulle Digital Humanities.

Imprese: Ar/S Archeosistemi, ARTernative, Atlantide Soc. Coop., Casa Museo NENA, Associazione culturale NINA Onlus, ComunicaMente srl, Cue Press, Doc Creativity, FEM – Future Education Modena, HIBOU – Heritage and Digital Humanities, Humarker srl, IVIPRO – Italian Videogame Program, IV Production, ICS Produzioni, RE:LAB srl, the rooom,  3D ArcheoLab, Yoomee srl.


ISCRIZIONI

Le iscrizioni devono pervenire a Demetra Formazione entro e non oltre il 4 novembre 2022.

Per iscriversi è necessario inoltrare l’apposita scheda di iscrizione compilata in ogni sua parte insieme al CV con foto e il documento di identità, attraverso il modulo di iscrizione presente in fondo alla pagina.

La partecipazione è gratuita, in quanto in corso è co-finanziato dal Fondo Sociale Europeo e dalla regione Emilia-Romagna.

MODALITÀ DI SELEZIONE

Le prove di si terranno l’11, il 14 e il 15 novembre 2022. La prima lezione del corso è fissata per il 28 novembre 2022.

La selezione verrà attivata indipendente dal numero di candidati, e avrà l’obiettivo di:

  • verificare il possesso delle conoscenze e capacità che rendano possibile l’acquisizione delle nuove competenze in uscita all’IFTS;
  • costruire la graduatoria degli ammessi da cui desumere i partecipanti.

Una commissione appositamente istituita presiederà tutte le fasi e garantirà trasparenza e pari opportunità.

La procedura di selezione si compone di tre fasi:

  1. Verifica competenze tecniche: verifica del possesso delle competenze necessarie ai fini del raggiungimento degli obiettivi di apprendimento
  • Prova scritta: test tecnico a risposte multiple (informatica, inglese, matematica e geometria) – max 20 punti
  • Prova scritta a risposta aperta. Verrà sottoposta una traccia al fine di verificare la conoscenza del patrimonio culturale regionale e dei processi di digitalizzazione – max 40 punti

Saranno ammessi alla terza fase solo i candidati che avranno ottenuto almeno 30 punti nelle due prove precedenti.

  1. Verifica motivazione verso il profilo formato
  •  Colloquio motivazionale – max 40 punti

CONTATTI

Demetra Formazione – Area Industrie Culturali Creative
Referente: Elisa Picone
Telefono: 348 4913138
E-mail: icc@demetraformazione.it

 

Operazione Rif. PA 2022-17320/RER approvata con Deliberazione della Giunta Regionale n. 1379 del 01/08/2022 e cofinanziata con risorse del Fondo Sociale Europeo + 2021-2027 Regione Emilia-Romagna